L’effige sui fianchi

Nel precedente articolo Il colore dei pompieri, abbiamo parlato dell’evoluzione delle livree degli automezzi in dotazione tra la fine degli anni ’30 e i primi anni ’50. Abbiamo anche accennato al tipo di stemma che veniva applicato sulle fiancate dei veicoli.
Approfondiremo l’argomento, per comprendere come sia cambiato nei giorni della guerra e nel dopoguerra, con il ritorno della livrea rossa.

La Circolare n.15 del 25 Giugno 1938, che già conosciamo per l’introduzione della livrea Grigio Topo, elenca anche le caratteristiche che devono avere gli stemmi da applicare sulle fiancate: “…occorrerà, altresì, procedere all’applicazione sugli automezzi in genere della seguente dicitura regolamentare:“Ministero Interno – Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco”, inquadrante lo stemma dello Stato, con la disposizione e le dimensioni (formato grande e formato medio) risultanti dalla riproduzione fotografica, che si unisce (all. 2)
   Tale dicitura, che potrà essere realizzata a mano, – tenendo presente, in tal caso, che le lettere dovranno essere colore oro con i margini riempiti in colore rosso – o mediante l’applicazione delle apposite decalcomanie disponibili nei due formati (grande e medio) presso la Ditta Bergomi di Milano, dovrà figurare possibilmente sui portelli anteriori o sulle fiancate delle autovetture in genere e dei rimorchi.”

Le direttive della Circolare sono molto chiare, e come evidenziato anche dagli archivi presenti nei Comandi Provinciali, a verniciatura effettuata, gli automezzi venivano fotografati per fornire una prova al Ministero, che i lavori erano eseguiti a “regola d’arte”.
Quello che può sembrare un eccesso di burocrazia, deve essere letto nel particolare contesto storico, in cui si pone la creazione del Corpo Nazionale.

Dal 1935 con le prime leggi che istituiscono i Comandi Provinciali dei Vigili del Fuoco, bisogna aspettare il Regio Decreto Legge n.333 del 27 febbraio 1939 perché sia istituito ufficialmente il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, queste norme applicate nel 1938, rientrano nel concerto di disposizioni attuate per fornire e garantire un’identità unitaria, senso di appartenenza, oltre che riconoscibilità da parte dei cittadini del Regno.

67Motopompe_periodo_ww2

1938capitolato
Fig.1 La decalcomania introdotta con la Circolare n.15 del 1938

Lo stemma così come rappresentato nella fig.1 è prodotto dalla S. A. Bergomi di Milano in formato decalcomania ad acqua. Si tratta di un supporto cartaceo composto da una sottile pellicola sulla quale viene stampata la grafica, il supporto una volta posto in acqua per reazione chimica fa sollevare la pellicola, che rimane in sospensione e può essere trasferita sul supporto finale, tramite scivolamento, una volta asciugati i residui d’acqua la grafica è trasferita permanentemente sul supporto finale, nel nostro caso, la fiancata degli automezzi.
Va sottolineato come la scelta delle lettere color oro bordate in rosso, risponda all’esigenza di far emergere la dicitura dal fondo grigioverde. Secondariamente, ma possiamo solo ipotizzarlo, il rosso è un rimando alla tradizione e alle colorazioni degli automezzi del periodo comunale.

Nel 1943 la caduta del fascismo e l’avvento della Repubblica Sociale Italiana (RSI), porta ad una prima sostanziale modifica della decalcomania. Il nuovo governo insediato nei pressi di Salò sul Lago di Garda aveva competenza sulle regioni del Centro-Nord a eccezione del Trentino, dell’Alto-Adige, della provincia di Belluno, del Friuli e della Venezia Giulia, dell’Istria, annesse di fatto al Terzo Reich.
Questo nuovo assetto governativo ha portato alla cancellazione dei simboli che riconducevano ai Savoia. Troviamo una testimonianza di questa direttiva nei documenti ufficiali dove i simboli di Stato sono cancellati tramite timbri o segnature a penna.
La stessa logica viene applicata anche ai Vigili del Fuoco che devono cancellare dalle fiancate l’emblema di Stato così come in fig.2.

pompieri_partigiani
25 Aprile 1945 autocarro delle squadre Celeri requisito da un drappello di partigiani e VVF
1943_RSI
Fig. 2  La dicitura con l’eliminazione del simbolo di Stato nel periodo 1943-45

Il Dopoguerra rappresenta una sfida per i Vigili del Fuoco, il parco mezzi dei Comandi è ridotto in pessime condizioni. Molti automezzi sono rimasti danneggiati dalle incursioni e bombardamenti delle città, altrettanti sono stati requisiti nella ritirata delle truppe germaniche; non ultimo dal 1943 il Corpo è di fatto diviso in due Direzioni Generali, al Nord Italia sotto la RSI, al Sud sotto la supervisione dello Allied Military Governament (AMG).
Con il ritorno a Roma della riunificata Direzione Generale dei Servizi Antincendi, si apre il periodo di ricostruzione del Corpo.
Nei Comandi Provinciali accanto agli automezzi di produzione nazionale, ora trovano posto i veicoli di produzione anglo-americana ereditati dallo AMG; lentamente nelle officine i mezzi vengono riparati e allestiti per i servizi di soccorso.
In questa particolare fase, studiando le fotografie, possiamo ricostruire la situazione eterogenea, frutto dell’arte dell’arrangiarsi, che ha contraddistinto i primi anni del dopoguerra.
Non potendo ritornare nell’immediatezza al tradizionale rosso, come sancito dalla Circolare n.35 del 11 Marzo 1946, tra il 1945 e i primi anni ’50 i veicoli mantengono le precedenti livree in Grigio Topo o nei casi di provenienza anglo-americana in Olive Drab e raramente in marrone BS.987C, durante questo periodo convivono diverse applicazioni dell’emblema di Corpo. Principalmente si tratta di versioni a cui è stato asportato il simbolo di Stato Sabaudo.

10557630_10207228188774807_7034589815305714759_o

IMG_0266
Consegna di nuove AutoLettighe su base Fiat 1100, anni ’50
1945transizionale01
Fig.3 Decalcomania in uso dal 1945 al 1948

A seguito della commessa del Ministero per il nuovo gruppo di AutoPompe Serbatoio (APS) su base FIAT 640n e 666, viene finalmente reintrodotta la livrea rossa, insieme a questa, anche lo stemma da applicare alle fiancate è modificato, con la comparsa della fiamma stilizzata. La bordatura rossa delle lettere viene eliminata, in quanto l’applicazione su un fondo della stessa tonalità sarebbe stato inutile e ridondante.
Il passaggio dal Grigio Topo al Rosso Vigilfuoco, non è immediato, nei primi anni ’50 è ancora possibile veder sfilare le nuove APS al fianco di vecchi modelli in livrea bellica, così come dimostrato dalla foto seguente, che mostra una AutoScala FIAT del Comando di Genova ancora in livrea Grigio Topo, a cui è stata cancellata grossolanamente la vecchia decolmania per far posto a quella di più recente adozione. La foto è databile dopo il 1951 per la presenza degli elmi Violini, introdotti proprio in tale anno.

vvf_genova_1950
Sfilata del 2 Giugno a Genova anni ’50
1946transizionale02
Fig.4 Decalcomania in uso nel periodo di transizione dalla livrea Grigio Topo a Rosso Vigilfuoco. 1948-1951 circa

Con l’introduzione delle prime APS su base FIAT 640n nel 1948 viene applicata la nuova livrea in Rosso Vigilfuoco, e le nuove decalcomanie. Questa livrea rimane immutata fino al 1980, quando gradualmente vengono dismessi i vecchi stemmi per far posto alle bande bianca ad alta visibilità.

cerioli
APS FIAT 640n allestito dalla Bergomi del Distaccamento di Crema
1950capitolato
Fig. 5 Decalcomania in uso dal 1948 al 1980

L’utilizzo di questo tipo di grafica è caduta in disuso nei primi anni ’80; l’esponenziale aumento del traffico veicolare, per le vie cittadine, ha portato ad affrontare il problema della visibilità dei mezzi di soccorso, introducendo le bande bianche sulle fiancate dei mezzi per accentuarne la visibilità anche nelle ore notturne.
Ancora oggi questo tipo di stemma viene ricordato con nostalgia e orgoglio da parte dei pompieri a riposo. Segno che l’originaria idea di rafforzare lo spirito di corpo anche attraverso le insegne, era un idea valida e fondata.

 

Terrae Motus

L’Italia e il Messico uniti dalla tragedia del terremoto

 

“Quando la terra trema, lascia in dote

qualche secondo di rumore e tanti anni di silenzio“

(Charles Kurault)

 

Un progetto fotografico di Marcello Ginelli

A cura di Elena Arzola

Con la collaborazione di Arianna Stringhi

A distanza di circa un anno e mezzo dal terribile sisma del 2016, la situazione attuale della città di Amatrice è quella di un triste cumulo di macerie. A Città del Messico, il terremoto ha devastato diversi quartieri e provocato centinaia di vittime.  Marcello Ginelli, testimone diretto di questi eventi, racconta per immagini la desolazione di Amatrice e il “suo” Messico, prima e durante il terremoto, con una ricca mostra fotografica i cui proventi saranno INTERAMENTE devoluti in beneficienza: in parte all’Associazione Fondo Semillas di Città del Messico, organizzazione no profit, http://www.semillas.org.mx e in parte, tramite l’Associazione Vigili del Fuoco in pensione di Rieti, alle famiglie di Amatrice individuate come più colpite dal sisma.

 

INFO:

Dal 28 gennaio al 18 febbraio 2018-01-22

Inaugurazione sabato  27.01.2018 ore 17.00

 

ORARI:

Dal lunedì al venerdì  – dalle ore 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00

Sabato e domenica  – dalle ore 11.00 alle 13.00 e dalle 15 alle 19.00

Ingresso donazione 2 euro.

 

CONTATTI/INFO

Tel. 391.3571568

Mail: salutamimarcello@gmail.com

Facebook: Marcello Ginelli

 

BIO:

Nato a Crema nel 1976, si accosta alla fotografia fin da piccolo, grazie al lavoro del padre, noto fotografo sportivo. Dopo la laurea in antropologia e diverse esperienze lavorative, capisce che la fotografia è per lui ben più di una semplice passione. Parte da Londra, dove tuttora risiede, per poi continuare il suo viaggio e il suo percorso professionale in giro per il mondo.

Anatomia dell’elmo M38

Non basta un articolo per poter sviscerare tutti i dubbi e le perplessità sul primo elmo in dotazione al Corpo Nazionale, essendo un tema molto caldo non è raro leggere e ascoltare dettagli e versioni differenti sulle caratteristiche e la storia di questo elmo. Per non far torto alla storia abbiamo cercato di riunire i documenti più importanti per tracciare degnamente la storia dell’elmo e porre una parola fine ai vari miti legati ad esso.

Iniziamo riprendendo la storia di questo copricapo, frutto della necessità di dotare il nascente Corpo Nazionale di un elmo più moderno rispetto ai modello Milano nati sul finire del XIX.

Tra storia e mito.

La Circolare n.69 del 7 Maggio 1939-XVII, stabilisce che ogni Comando Provinciale, in base al proprio bilancio economico, si doti del nuovo Elmo da Incendio, prodotto dalla Soc. An. Bergomi – Piazza Melozzo da Forlì, 2 di Milano.
Sono previste due versioni suddivise nelle seguenti categorie:

Ufficiali: elmo di cuoio con cresta in ottone dorato semplice…………£.168
Sottoufficiali e vigili: elmo in cuoio con cresta in ottone brunito……£.135

L’elmo quindi si presentava in cuoio con la calotta verniciata in nero lucido, la cresta in ottone brunito dall’aspetto opaco per i Vigili e Sottufficiali e in ottone dorato dall’aspetto più chiaro e lucente per gli ufficiali.

Da notare che ne in questa circolare ne in quelle future, viene fatto accenno ad un nome preciso dell’elmo che viene semplicemente identificato dalla tipologia  (elmo da incendio) e ditta produttrice (Soc. An. Bergomi).
Questo per sottolineare al collezionista che in realtà oggi usiamo una dicitura del tutto arbitraria quando indichiamo questi elmi con il nome modello 38 o abbreviato M38, rispetto alla più corretta e anonima dicitura: elmo da incendio del Corpo Nazionale.

La Circolare continua indicando le modalità di consegna degli elmi, che devono essere ritirati dai Corpi partecipanti al I° Campo Nazionale previsto a Roma per il 24 Giugno 1939.
I Comandi avrebbero fatto l’ordine del quantitativo necessario e delle taglie per il solo personale partecipante al Campo Nazionale, i rimanenti vigili rimasti ai comandi di appartenenza avrebbero ricevuto gli elmi in un secondo momento.
La ditta Fratelli Lorioli di Milano avrebbe poi fornito le fiamme d’ottone recanti il numero del Comando direttamente alla ditta S.A. Bergomi, per agevolare le consegne a Roma.

A seguito del I° Campo Nazionale a Roma, il Ministero dirama la Circolare N°110 del 4 Agosto 1939-XVII°; questa comunicazione diretta a tutti i Prefetti e Comandi, fornisce il nulla-osta per completare l’approvvigionamento del nuovo elmo da incendio.
In particolare il documento recita:

Si pregano pertanto le EE.VV. di voler autorizzare i dipendenti Comandi Provinciali Vigili del Fuoco a passare ordinazione alla Ditta S.A. Bergomi del fabbisogno di elmi da incendio.
La spesa all’uopo occorrente graverà sulle disponibilità per acquisti di materiale, a carico del bilancio dei Corpi, ripartita, ove occorra, in più esercizi finanziari.

Con la successiva Circolare n. 70 del 30 Marzo 1940-XVIII, viene stabilito che tutti gli elmi da incendio, siano verniciati con lo smalto alla nitrocellulosa marca Arson-Sisi n. 54397, entro il termine stabilito del 20 Maggio 1940-XVIII.
Il colore definito in alcuni documenti: Grigio Topo, era lo stesso che veniva applicato ai mezzi e alle attrezzature con l’apposito ordine del giorno.

Tutte le componenti dell’elmo ad esclusione del fregio e del sottogola devono essere verniciati, le parti metalliche altresì dovranno essere rese ruvide onde migliorare la resa della verniciatura.

Durante la guerra anche i materiali dell’elmo vengono modificati, per adattarsi alle politiche di risparmio delle materie prime, i crestini che prima erano in ottone vengono prodotti direttamente in metallo autarchico verniciato.

L’approvvigionamento degli elmi da incendio, era completamente a carico dei Comandi Provinciali, e con l’intensificarsi del conflitto divenne chiaro che la ditta Bergomi non poteva onorare nei tempi richiesti gli ordini che continuamente le pervenivano.
Per questo motivo come si può vedere nell’immagine di seguito, vennero recuperati anche gli elmi modello Milano, verniciati di Grigio Topo e dotati del nuovo fregio della Lorioli, questi elmi insieme anche a piccole aliquote di altri modelli venivano poi consegnati ai Vigili Volontari che man mano venivano richiamati in servizio continuativo.

Dopo il periodo bellico gli elmi lentamente saranno riverniciati nuovamente di nero, venendo sostituiti a partire dal 1951, dall’elmo prodotto dalla Ditta Violini di Torino. Non è raro incontrare foto che ritraggono vigili dotati del nuovo elmo affianco a vigili con il vecchio elmo M38; possiamo tranquillamente asserire che a causa della lentezza nell’approvvigionamento del nuovo elmo Violini passarono diversi anni prima della completa dismissione del vecchio elmo.

Una genesi militare.

L’elmo nelle sue forme non è altro che una modifica dell’elmetto allora in uso al Regio Esercito. Il modello 33 o abbreviato M33.

Non è un caso se l’ispirazione per la produzione di un elmo da incendio è caduta su un modello militare, prima di tutto il contesto politico imponeva un immagine marziale, in secondo luogo la politica di autarchia richiedeva l’utilizzo di componenti facilmente reperibili o che richiedevano una semplice conversione.
Nel caso dell’elmo da incendio la calotta era modellata sulla base del M33 al quale veniva aggiunto un prolungamento sul retro che doveva idealmente proteggere la zona della nuca e deviare l’acqua dalla schiena (concetto ripreso pressoché per ogni elmetto dei pompieri prodotto e ideato dal XIX secolo ad oggi), ed infine veniva aggiunto il crestino di rinforzo.

L’interno o liner discende anch’esso da quello peculiare degli M33, differenziandosi per alcuni particolari importanti.
L’alluda è in tela cerata in sostituzione della vacchetta del modello militare, soluzione che ne determina un deterioramento maggiore e una qualità minore.
La lamina metallica che costituisce lo scheletro su cui viene posta l’alluda, presenta una spessore minore e qualità diversa rispetto al modello militare, si può solo ipotizzare che la Ditta S.A. Bergomi  non aveva accesso alla quantità di metallo necessario perché dirottata principalmente al fabbisogno delle fabbriche destinate allo sforzo bellico.
I rivetti che fissano l’interno al corpo dell’elmo sono esattamente gli stessi del M33, così come il sottogola che si differenziava dal modello militare per il bagno in tintura nera al posto del grigioverde degli elmi militari.

Miti e leggende

L’elmo da incendio, per la sua storia è circondato da un alone di unicità e non mancano i miti, alcuni di questi sono nati sull’onda dei ricordi dei vigili che li hanno utilizzati, altri nati in ambito collezionistico, fuorvianti o totalmente inventati.

La pelle del porco: molto spesso viene dichiarato che l’elmo è prodotto in una non ben definita fibra e, spesso si parla dell’uso della cotenna di maiale come espediente alle restrizioni del tempo.
Questo mito pone le basi su un fatto concreto, ad oggi sono pochi gli elmi da incendio che hanno superato la prova del tempo indenni; molti sono deformati o addirittura fratturati solo per esposizione agli elementi. Questo fatto concreto ha dato luogo alla credenza che l’elmo fosse prodotto con materiali scadenti a causa dell’autarchia.
Per sciogliere ogni dubbio diciamo che non noi (collezionisti/ricercatori), ma le fonti identificano l’elmo come prodotto in cuoio, senza particolari specifiche, e che con tutta probabilità dall’analisi degli originali, la fragilità dell’elmo fosse dovuta al tipo di concia piuttosto che dal materiale impiegato.
Va infatti detto, che il cuoio che si ottiene dalla concia della pelle di suino è molto resistente alle abrasioni, e quindi particolarmente adatto ad un elmo, il punto debole quindi rimane il tipo di concia vegetale usata, in favore di altri procedimenti chimici più costosi e difficilmente attuabili in regime autarchico.

Fregi a perdere: una delle ultime teorie nasce in seguito al ritrovamento di fregi specifici per l’elmo da incendio in metallo, si dice che nel periodo bellico, con la politica di risparmio dei metalli preziosi per lo sforzo bellico, i fregi in ottone siano stati riconsegnati per essere sostituiti da quelli più economici in cosiddetto “metallo autarchico“.
Per rispondere a questa teoria bisogna premettere che all’epoca, la politica economica del Corpo era affidata ai singoli Comandi Provinciali, che quindi dovevano pagare tramite le proprie casse quello che il Ministero indicava come necessario.
Come detto per la genesi del nostro elmo, i fregi prodotti dalla Lorioli venivano comprati alla bisogna dai Comandi per equipaggiare i propri uomini, ne consegue che in un ottica di risparmio per esigenze belliche fosse altamente improbabile un loro acquisto per poi riconsegnarli e comprare quindi dei fregi solo perché più economici.
Interessante notare come questa teoria nasca perché oggi le struttura di approvvigionamento del materiale ministeriale è centralizzata e quindi risulta credibile un ritiro e sostituzione su scala nazionale di un singolo componente dell’equipaggiamento.

Un breve accenno deve essere fatto anche a delle piccole imprecisioni,  è capitato di sentir raccontare che in tempo di guerra gli elmi verniciati di Grigio Topo, erano differenziati tra Vigili e Sottufficiali, e Ufficiali, quest’ultimi avevano l’elmo dipinto solo in parte per lasciare il crestino dorato scoperto, con l’intento di sottolineare il loro rango.
Al momento non esistono fonti documentali che confermano quanto asserito, può essere che un ufficiale abbia fatto uno strappo ai regolamenti, ma può essere solo ricondotto a una sua scelta personale. In ogni caso non possiamo parlare di una consuetudine e quindi a livello storico deve valere la regola dell’elmo totalmente verniciato Grigio Topo, per ogni grado e rango.

Sempre su questo argomento, è stato sostenuto da alcuni collezionisti; che avendo ritrovato crestini in ottone e altri in metallo fosse dovuto ad un altro modo per differenziare i Vigili dai Capi Squadra, deve essere tenuto a mente che la figura del CS dell’epoca era ben diversa da quella attuale ed era identificata solo da un fregio in canuttiglia apposto sulla manica del giubbetto dell’uniforme.
La presenza di crestini in ottone e metallo era dovuta alla sostituzione delle ottone nel processo produttivo della Ditta S.A. Bergomi in pieno conflitto bellico, e in linea con le politiche economiche di guerra.
Molto interessante è notare come questa situazione ha portato nel dopoguerra a verniciare gli elmi completamente di nero per evitare vistose disomogeneità tra gli elmi dei primi lotti e quelli bellici.

Conclusioni

L’elmo M38 con la sua storia e unicità è un pezzo immancabile nelle collezioni degli appassionati, e vale la pena spendere una riflessione sull’aspetto economico-collezionistico.
Con un numero sempre maggiore di appassionati che si affacciano a questa branca collezionistica, è aumentata esponenzialmente anche la richiesta di elmi.
E la nota dolente è che come in ogni settore del commercio aumentando la richiesta cresce anche il prezzo.
In passato le fiere di Militaria offrivano sempre qualche buon esemplare, ed in generale con 150/200 euro era possibile riportare a casa un elmo in ottime condizioni.
Purtroppo si deve constatare che alcuni collezionisti tendono ad approfittarsi del prossimo e facendo leva sulla storia dell’elmo e la sua relativa rarità alzano di molto il valore, poco tempo addietro un esemplare è stato proposto oltre i 500 euro, non sappiamo se è andato invenduto o meno, ma è un segnale forte che l’interesse non manca e fatta eccezione delle aste su ebay che mai dovrebbero essere prese a parametro per una corretta valutazione del valore, possiamo dire che in futuro alle fiere gli stessi esemplari verranno probabilmente venduti tra i 200 e 300 euro.

Blog su WordPress.com.

Su ↑